C2 Xplore – la lesione iatrogena può essere significativamente ridotta nella chirurgia del nervo facciale

Gli interventi nel campo della chirurgia del nervo facciale:

• sono molto complessi a causa della struttura delicata e dei nervi ramificati

• richiede alta precisione

• pertanto, rappresentano una sfida particolare per i chirurghi.

Per questo motivo, il neuromonitoraggio intraoperatorio (IONM) è stato istituito da molti anni, in particolare nel campo della chirurgia del nervo facciale per supportare i chirurghi nella localizzazione dei rami nervosi e aumentando così la sicurezza del paziente.

 

Salvare i nervi facciali - minimizzare i rischi

Il neuromonitoraggio nella chirurgia del nervo facciale viene utilizzato in due modi:

• I segnali e le attività spontanee derivanti dall'irritazione dei rami nervosi, ad esempio mediante manipolazione meccanica dei nervi, sono indicati acusticamente e visivamente.

• Le sonde di stimolazione possono essere utilizzate per localizzare e indentificare i singoli rami nervosi all'interno del parotide. Questi strumenti stimolano elettricamente i nervi. Le contrazioni muscolari risultanti sono riportate visivamente e acusticamente.

Laddove viene eseguita la timpanoplastica o viene inserito un impianto cocleare, il neuromonitoraggio inomed è uno strumento utile che aiuta a prevenire lesioni ai nervi durante la fresatura vicino al canale facciale osseo. Durante le procedure di mastoidectomia, vengono utilizzate tecniche di neuromonitoraggio per ridurre il rischio di lesioni ai nervi.

 

Modalità di misurazione nella chirurgia del nervo facciale

Con una sonda di stimolazione manuale si individuano i rami nervosi durante la chirurgia del nervo facciale. Ogni canale e quindi ogni nervo emette un suono diverso che consente l'identificazione acustica del nervo dalla cosiddetta funzione Channel Ident.

Le sonde bipolari sono altamente selettive e possono essere utilizzate per monitorare i rami nervosi e la loro funzionalitá nelle immediate vicinanze, mentre le sonde monopolari hanno un campo d'azione più ampio. Gli elettrodi sono posizionati nel corrispondente muscolo indicatore per registrare segnali elettrofisiologici. Se si verifica un cambiamento significativo nell'ampiezza o nella latenza delle risposte muscolari durante l'intervento chirurgico, il chirurgo viene informato visivamente e acusticamente. Ciò accade anche in caso di attività spontanea. Qualsiasi attività spontanea rilevata viene automaticamente registrata e può essere salvata per la documentazione.

 

Rivoluzione digitale

C2 Xplore >> con il suo ampio campo di applicazione, offre soluzioni innovative per prestazioni chirurgiche ottimali grazie all'interfaccia HL7-Ready alla rete ospedaliera e alla sua intuitiva funzione di commento che monitora eventi rilevanti in ogni momento.

 


Caratteristiche

  • Software appositamente sviluppato per la chirurgia ORL
  • Funzione Channel Ident per localizzare i rami nervosi
  • Rilevazione di attività spontanee
  • Sistemi potenti e veloci da usare
  • Funzioni di interfaccia fluide

Principali aree di applicazione di C2 Xplore:

Applicazioni del monitoraggio del nervo facciale

  • Chirurgia parotidea
  • Timpanoplastica
  • mastoidectomia
  • Impianto CI
  • Chirurgia del nervo facciale