Neurochirurgia: Neuromonitoraggio durante interventi chirurgici ad alta precisione

Prevenzione di deficit neurologici permanenti grazie al supporto fondamentale del monitoraggio intraoperatorio

La neurochirurgia si occupa di individuare e di trattare le patologie chirurgiche, malformazioni e lesioni del sistema nervoso centrale e periferico.

Il neuromonitoraggio intraoperatorio (IONM) svolge un ruolo essenziale in queste attività. Attraverso l'IONM, importanti funzioni del sistema nervoso vengono continuamente monitorate durante le procedure neurochirurgiche, riducendo così il rischio di alterazioni funzionali postoperatorie per il paziente.

IONM permette al chirurgo di eseguire una resezione funzionale controllata del tessuto tumorale, preservando di conseguenza la funzione delle aree cerebrali, dei tratti nervosi associati, del midollo spinale e delle strutture nervose periferiche.

Il continuo utilizzo di IONM fornisce feedback in tempo reale tramite neurostimolazione >> circa le funzioni a rischio nell'area operatoria; pertanto se si verificano cambiamenti neurologici, il chirurgo può essere avvertito e adattare immediatamente la propria strategia operativa durante l'intervento chirurgico.
 

Applicazioni Versatili

Durante gli interventi chirurgici nell'angolo ponto-cerebellare e nella fossa cranica posteriore, i nuclei e le fibre intramidollari di 10 dei 12 nervi cranici sono vicini. Durante gli interventi chirurgici in questa zona la funzione dei nervi e del tronco encefalico è continuamente controllata  attraverso il monitoraggio. Il tumore più comune nell'angolo ponto-cerebellare è il neuroma acustico (schwannoma vestibolare), in cui, soprattutto, sono a rischio i nervi cranici VII e VIII (nervo facciale e nervo vestibolococleare). La conservazione postoperatoria di queste due strutture nervose è assicurata dal monitoraggio di EMG e BAEP.

Nella resezione chirurgica dei tumori cerebrali, un aspetto cruciale riguarda la localizzazione delle aree funzionali - nota come mappaggio – la quale svolge un ruolo fondamentale. La tecnica di mappaggio permette al chirurgo di localizzare aree eloquenti del linguaggio e aree motorie e, di conseguenza, eseguire la resezione del tumore chirurgico risparmiando e monitorando continuamente queste regioni.

Gli interventi chirurgici spinali in neurochirurgia comprendono, ad esempio, tumori spinali e trattamenti per la scoliosi che possono causare danni al midollo spinale con associati deficit post-operatori e paralisi. Durante gli interventi chirurgici sulla colonna vertebrale, le fibre del midollo spinale ascendenti e discendenti sono monitorate prevalentemente da SEPs e MEPs.
 

Il Monitoraggio Intraoperatoiro può essere utilizzato anche per le seguenti applicazioni neurochirurgiche:

  • Chirurgia dell’epilessia  
  • Aneurismi cerebrali
  • Chirurgia del tronco encefalico
  • Chirurgia corticale sovratentoriale
  • Chirurgia della fossa cranica posteriore
  • Neurinomi acustici
  • Stabilizzazioni spinali e malformazioni vertebrali
  • Tumori spinali
  • Rizzotomia dorsale selettiva
  • Drezotomia
  • Chirurgua del plesso
  • Chirurgia del nervo periferico
     

Il sistema é adatto a qualunque applicazione chirurgica

Gli esperti di tutto il mondo ripongono la loro fiducia nei sistemi di neuromonitoraggio da inomed. Con ISIS IOM System >> nelle diverse versioni (ISIS Xpert, ISIS Xpertplus, ISIS Xpress) e l’estrema flessibilitá del C2 Xplore >> inomed offre un pacchetto all-inclusive per il monitoraggio neurofisiologico intraoperatorio multimodale.
Questi sistemi ad alte prestazioni sono user-friendly e semplici da usare e offrono applicazioni flessibili e versatili. Inomed offre costantemente il sistema più sicuro e pratico per ogni applicazione chirurgica.